Sicurezza sul lavoro

Le normative che regolano la classificazione delle scarpe infortunistiche

0
Le normative che regolano la classificazione delle scarpe infortunistiche

Le sicurezza dei lavoratori è molto importante. Questa volta pensiamo ai nostri piedi e a come proteggerli.

Prima di esaminare qualche modello specifico di calzatura – nelle prossime settimane – andiamo a visionare quelle che sono le norme che ne regolano la classificazione.
 
Importante sapere che le scarpe antinfortunistiche sono comprese nei DPI, che non sono altro che i Dispositivi di Protezione Individuale. Sostanzialmente il loro uso è regolamentato sia dalla normativa italiana che da quella europea, ed è obbligatorio. In Italia si fa riferimento nello specifico al D.Lgs 475/92 che afferma che le scarpe antinortunistiche devono rispondere alle esigenze ergonomiche e di salute del lavoratore, senza pregiudicare l’utilizzo di altri DPI.
 
Le scarpe antinfortunistiche sono poi suddivise in tre categorie, che variano a seconda del grado di protezione offerto. I requisiti generali sono spiegati nella norma EN344.
 

scarpe antinfortunistiche

Vari modelli di scarpe antinfortunistiche

Le calzature di sicurezza – regolamentate dalla norma EN 345, per essere classificate come tali devono avere dei requisiti minimi di altezza della tomaia, dimensione del puntale – che deve reggere un urto di almeno 200 joules – fodera anteriore, sottopiede, suola anche liscia. Non sono richieste altre specifiche – come l’antistaticità e l’impermeabilità – che però possono essere lo stesso presenti. Questo tipo di calzature viene definita con la lettera S di Safety.
 
La norma 346 definisce invece le calzature di protezione – classificate con la P di proctetive – che differiscono dalle calzature di sicurezza solo per il grado di assorbimento della punta, che può fermarsi a 100 joule. Le calzature da lavoro, ultima categoria regolamentata, non hanno la necessità di avere una punta rinforzata e si definiscono con la O di occupational.
 
Le scarpe si classificano con la lettera che le contraddistingue – S, P o O – e un numero che indica il grado di protezione, in scala da 1 a 5, dove più è alto il numero e migliori sono le caratteristiche della scarpa. La prossima volta andremo ad analizzare la marcatura CE con cui sono definite le caratteristiche delle scarpe antinfortunistiche.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento