Storia delle demolizioni

L’Hotel San Martino. Quando lo stato, e le ruspe, si ribellano alla mafia

0
L’Hotel San Martino. Quando lo stato, e le ruspe, si ribellano alla mafia

Una storia di turismo, mafia e demolizioni dietro l‘Hotel San Martino, abbattuto nel 2011 nella zona del Nevegal, in provincia di Belluno.

L’Hotel San Martino per anni è stato un punto di riferimento del turismo del Nevegal. Fin dagli anni ’60 centinaia di turisti hanno soggiornato nella struttura sino a quando, siamo nel lontano 1993, la Procura non ha chiuso i battenti: infiltrazioni mafiose, giù la serranda.
 

Per oltre quindici anni quella che un tempo era stata una struttura turistica si è trasformata in un luogo fantasma, che rovinava il panorama del Nevegal. Nel 2009 il Comune ha preso possesso dell’edificio e, due anni dopo, ha trovato anche i fondi per demolire la struttura: 42.000 euro da affidare a un’impresa di demolizioni vicentina.

Il risultato raggiunto è frutto dell’impegno sinergico di tutte le istituzioni coinvolte nel procedimento all’insegna di tre elementi fondamentali: Continuità, Concretezza e Concertazione. E’ largamente condiviso come l’aggressione ai patrimoni mafiosi ed il loro effettivo utilizzo per finalità istituzionali e sociali costituisce lo strumento più efficace di lotta alla criminalità organizzata.” dichiarò ai tempi il prefetto di Belluno Maria Laura Simonetti.

L’albergo fu demolito a tempo di record, consentendo agli organizzatori del Giro d’Italia del 2011 di fissare una tappa in zona. Un segno tangibile del cambiamento.

Al posto della struttura, ad oggi, non è ancora chiaro cosa verrà costruito, visto che mancano i fondi necessari. Si parla di un edificio polifunzionale, con sede postale e alloggi solidali. Tutto il lavoro fa parte di un piano progettuale chiamato “Abitare il Nevegal”, che ha come fine quello di rilanciare questa zona turistica veneta.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento