Storia delle demolizioni

A Cogoleto stanno per demolire definitivamente il ricordo della Stoppani.

0
A Cogoleto stanno per demolire definitivamente il ricordo della Stoppani.

Non basterà una demolizione a chiudere un secolo di inquinamento.

Luigi Stoppani, nel milanese, è conosciuto come “cavaliere”. Un importante industriale. In Liguria, in particolare a Cogoledo, Luigi Stoppani e la sua azienda chimica non hanno la stessa bella nomea, visto che per anni hanno prodotto composti di cromo, principalmente esavalente. Cromati, bicromati, acidi e solfati.
 

Il frutto di cento anni di attività della Stoppani a Cogoledo sono aria e suolo inquinati, animali contaminati col cromo, zinco nella discarica in località Molinetto e polveri nell’atmosfera.
Il cromo esavalente è un elemento altamente cancerogeno per tutti gli esseri viventi, esseri umani compresi, e può portare a tumori dell’apparato nasale e respiratorio. Dal 1° luglio 2006 – grazie alla direttiva della Comunità Europea 2002/95/CE – il cromo esavalente è vietato nei rivestimenti anticorrosione. La Stoppani aveva però già chiuso i cancelli da tre anni.
 

lavori demolizione Stoppani Cogoledo

I lavori di demolizione alla Stoppani di Cogoledo

Si è tornato a parlare della Stoppani perché i lavori di demolizione dello stabilimento sono ripresi, dopo quattro anni di sosta forzata a causa della mancanza di fondi pubblici. La strada è stata bloccata per giorni, da martedì due a venerdì 5 settembre. Il magazzino, dove venivano accatastati gli acidi cromici e i salcromi, uno degli ambienti più inquinati, è stato demolito. Per sicurezza tutti gli operai indossavano tute e maschere, e quattro cannoni hanno bagnato a ciclo continuo i lavori, evitando ulteriore dispersione di polveri. Le stesse polveri che i comuni cittadini hanno respirato in tutta tranquillità per oltre un secolo.
 

Rileggendo la storia di questa azienda non si può non inorridire. Fin dal 1977 si è cercato di fermare questo scempio, colluso con le amministrazioni compiacenti. Nel 1985, dopo anni di proteste, si è scoperto un inquinamento da cromo superiore di 13 volte alla soglia ammessa.
 

Ma quanto vale la vita di un uomo? Secondo 17 famiglie, che nel 1989 ritirarono la causa e accettarono il rimborso, solo 37 milioni. Di lire.
Da lì a poco si sarebbe scoperto che, nella zona, i casi di tumore sono più alti di circa il 40% rispetto alla scala nazionale, dati che toccano l’assurdo (+228% per i tumori alla faringe, +108% ai polmoni) in alcune categorie specifiche. Molti degli operai, prima della definitiva chiusura, vennero pensionati in anticipo sfruttando le leggi create appositamente per i lavoratori dell’amianto.
 

stoppani cogoledo demolizioni

Cannoni a getto continuo per evitare l'inquinamento da polveri.

Chi volesse scoprire tutto il marcio, per quanto possibile, dovrebbe leggere l’articolo che riporta tutto in ordine cronografico – e quello che parla di come siano spariti i soldi per gli eventuali risarcimenti.
 

Lo Stato italiano pagherà 1 miliardo di euro per bonificare l’intera zona. Stoppani non scucirà neanche un euro. Avrà solo sulla coscienza decine di vite umane. Quelle che, nel 1989, valevano 37 milioni l’una.
 

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento