leggi e decreti

Sicilia, firmato il protocollo per la demolizione di oltre duemila edifici

0
Sicilia, firmato il protocollo per la demolizione di oltre duemila edifici

Ancora belle notizie contro abusi edilizi e costruzioni pericolanti: diversi comuni siciliani firmano un protocollo per facilitare le demolizioni.

Il comune di Palermo e il comune di Bagheria si sono messi in prima fila contro l’abusivismo. Nel capoluogo siciliano il sindaco, Leoluca Orlando, ha annunciato – in data 12 dicembre 2014 – la firma di un protocollo sulle demolizioni firmato anche dal Procuratore Leonardo Agueci. Lo scopo di questa iniziativa è quella di sveltire le procedure burocratiche relative alla demolizione di edifici abusivi.
 

L’obiettivo del protocollo è ovviamente quello di demolire – ha dichiarato il vice sindaco di Palermo Emilio Arcurima anche di innescare un effetto deterrente verso coloro che vogliono costruire illegalmente o che, avendolo già fatto, saranno spinti a demolire quanto costruito.
 

Leoluca Orlando

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando

Il protocollo rappresenta un ulteriore tassello della collaborazione fra istituzioni, mirato alla tutela della legalità e alla repressione di comportamenti che sono pericolosi per il territorio e per l’incolumità dei cittadini.” ha dichiarato il sindaco palermitano Leoluca Orlando.
 

Oltre al capoluogo siciliano, anche la città di Bagheria – seconda città più grande della provincia, con oltre cinquantamila abitanti – ha firmato un protocollo simile, firmato con lo stesso Procuratore. La situazione della cittadina sicula è particolarmente grave, con circa 900 edifici abusivi considerati “non sanabili”, quindi da abbattere. A Palermo la stima è addirittura maggiore: secondo il giornale “La voce di Bagheria” sarebbero circa 1300 gli edifici da abbattere, di cui oltre 200 considerati pericolanti.
 

Se alle buone intenzioni corrispondessero anche i fatti, questa sarebbe la campagna di demolizioni più imponente della storia italiana. Le premesse sono comunque positive, come dimostra questo video tratto da Repubblica.it
 

Noi attendiamo fiduciosi.
 

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento