Condominio, delle demolizioni negli spazi comuni vanno informati tutti i comproprietari

Condominio, delle demolizioni negli spazi comuni vanno informati tutti i comproprietari

0
Condominio, delle demolizioni negli spazi comuni vanno informati tutti i comproprietari

Una sentenza della Cassazione ha stabilito che l’ordine di demolizione di un muro realizzato in uno spazio comune del condominio è illegittimo se nel contenzioso non sono stati coinvolti tutti i proprietari (sentenza 21359/2015).

Nel caso preso in esame, un condomino aveva citato in giudizio il vicino accusandolo di aver realizzato un muro nel sottoscala comune. Secondo il condomino, con la creazione del muro il vicino si era appropriato di una parte del sottoscala. Sulla base di questi motivi, il Tribunale ordinario aveva disposto la demolizione del muro. La sentenza è stata però considerata nulla perché non aveva considerato alcuni aspetti.

La Cassazione ha fatto notare che il condomino che aveva realizzato il muro era comproprietario, insieme alla moglie, dell’appartamento e della parte del sottoscala comune a esso collegata. Quando aveva acquistato la casa aveva, infatti, dichiarato di essere in regime di comunione legale con la moglie, che era quindi diventata comproprietaria dell’appartamento.


I giudici hanno spiegato che con l’acquisto i coniugi erano diventati proprietari non solo dell’appartamento, ma anche di una porzione delle parti comuni del condominio. Ciò significa che erano comproprietari di una parte del sottoscala e che nel contenzioso dovevano essere interpellati entrambi, perché la responsabilità della realizzazione del muro andava addebitata ad entrambi.

Al contrario, ha sottolineato la Cassazione, era stato citato in giudizio solo uno dei comproprietari. L’altro non aveva ricevuto nessuna notifica e poteva quindi essere all’oscuro dell’accaduto.


La Cassazione ha quindi concluso affermando che bisogna sempre annullare le sentenze emesse quando dagli atti emerge che non sono stati citati tutti i comproprietari del bene su cui è stato realizzato il manufatto per il quale è stata chiesta la demolizione.

La presenza di questo vizio di forma ha reso necessaria la ripetizione delle procedure, con la notifica dell’atto di citazione a tutti i comproprietari e responsabili dell’abuso.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento