Demoliti o smaltiti, anche gli ultimi padiglioni rimasti salutano l’area EXPO

Demoliti o smaltiti, anche gli ultimi padiglioni rimasti salutano l’area EXPO

0
Demoliti o smaltiti, anche gli ultimi padiglioni rimasti salutano l’area EXPO

A quasi un anno dalla chiusura dell’edizione 2015 dell’Esposizione universale (andata in scena dal 1° maggio al 31 ottobre) anche il destino degli ultimi padiglioni rimasti si è compiuto (con poche, rare eccezioni).

demolizione expo


Così affollati e amati dal grande pubblico, che è accorso a milioni per visitarli, nel corso di questi ultimi mesi un pezzo alla volta alcuni padiglioni sono stati definitivamente demoliti e poi smantellati, altri, invece, sono stati accuratamente smontati per poi essere rimontati in altri siti.

demolizioni padiglioni Expo

Insieme ad altre società che si sono aggiudicate l’appalto di demolizione/rimozione dei padiglioni, A.T. Top Taglio è stata tra i protagonisti indiscussi.

Expo demolizione


Con un impegno di quasi un anno di lavoro – da fine ottobre 2015 a fine settembre 2016 – il nostro team si è occupato della demolizione e smaltimento dei padiglioni del Marocco e della Santa Sede. Abbiamo, inoltre, eseguito lo smontaggio dei padiglioni della Spagna e dell’Irlanda e gestito il trasferimento dei componenti che sono stati trasferiti per essere rimontati in altri siti.

demolizioni padiglioni Expo

Ci siamo occupati anche del riempimento delle fondamenta dei padiglioni smantellati, così da restituire l’area perfettamente a livello.

E se è certo che alcuni Paesi hanno le idee ben chiare sul destino dei propri padiglioni di rappresentanza, per altri non è così: uno su tutti il padiglione dell’Ungheria, per il quale si attende ancora di stabilire su come procedere. Al momento A.T. Top Taglio si è aggiudicata la direzione tecnica di questo progetto, ovvero la gestione di tutta la parte di logistica e sicurezza connessa all’attività di smontaggio del padiglione.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento