Avanzamento smantellamento Centrale Nucleare di Garigliano

Avanzamento smantellamento Centrale Nucleare di Garigliano

0
Avanzamento smantellamento Centrale Nucleare di Garigliano

Rimane aperto il maxi cantiere instaurato per lo smantellamento e successiva demolizione dell’ex Centrale Nucleare di Garigliano.
I Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il portavoce regionale, Vincenzo Peretti, che, in più occasioni, sono andati nella centrale nucleare per verificare lo stato dei lavori in corso, hanno così commentato:

“Con lo smontaggio del camino, alto oltre 90 metri, della centrale nucleare del Garigliano si fa un passo in avanti importante verso lo smantellamento completo di quell’impianto che gli italiani hanno bocciato con ben due referendum, nonostante i continui tentativi di riportare in Italia la scelta pericolosa e antiambientalista dell’energia nucleare”.

I lavori hanno seguito questo iter:

  • Decontaminazione della struttura interna del camino per opera di un robot telecomandato
  • Frantumazione controllata
  • Abbattimento altezza della struttura fino a 30 metri
  • Demolizione meccanica della porzione rimanente

“Continueremo a monitorare i lavori in corso con l’obiettivo di verificare il rispetto dei tempi e dei progetti per evitare sorprese come quella di veder trasformata la centrale nucleare del Garigliano nel deposito unico nazionale delle scorie nucleari, ipotesi secondo i tecnici della Sogin, società proprietaria dell’impianto, attualmente impraticabile per la presenza del fiume, che ancora oggi però non ha trovato una sua sede definitiva”

hanno aggiunto Borrelli e Peretti per i quali

“quell’area, una volta liberata dai pericoli di una centrale nucleare dismessa, deve diventare una sorta di parco pubblico della memoria, lasciando anche qualcosa che ricordi la centrale nucleare come monito affinché non si commettano nuovamente gli stessi errori del passato”.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento